Glossario - Bigass Broker Assicurativo

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Glossario

Informazioni

GLOSSARIO
Per assicuratore
si intende la società che si assume l'obbligo di risarcire l'eventuale danno subito dall'assicurato nei limiti che sono stati indicati in polizza ed in conformità alle clausole che sono state fissate.
Per assicurato
si intende la persona o ente nell'interesse del quale è stato stipulato il contratto, e pertanto ha il diritto di essere tenuto indenne dall'assicuratore del danno prodotto da un sinistro.
Per contraente
si intende la persona fisica o l'ente che sottoscrive il contratto impegnandosi a pagare i relativi premi.
Per beneficiario
si intende il destinatario del pagamento del capitale o della rendita prevista dal contratto.
Per contratto di assicurazione si intende il contratto col quale l'assicuratore si impegna, dietro corresponsione di un premio, a risarcire l'assicurato, nei limiti stabiliti, del danno provocato da un sinistro oppure a corrispondere un capitale o una rendita al verificarsi di un evento riguardante la vita umana.
Per polizza si intende il documento nel quale si materializza il contratto.
Per rischio si intende la probabilità di verificarsi del fatto dannoso futuro e incerto.
Per ramo si intende una determinata classe di rischi.
Per capitale assicurato si intende il valore effettivo dei beni assicurati.
Per massimale si intende l'importo massimo della prestazione dell'assicuratore.
Per scadenza si intende la data in cui cessa il contratto e non quella del pagamento delle singole rate di premio.
Per sinistro si intende il fatto dannoso per il quale è prestata l'assicurazione.
Per assicurazione a valore intero, che è quella di normale attuazione, si intende il rimborso completo dei danni solo se le cose sono state assicurate per il loro intero valore. Pertanto in caso di sinistro è necessario confrontare il valore assicurato al valore effettivo dei beni.
Per assicurazione a primo rischio, si intende la forma contrattuale per mezzo della quale la compagnia rimborsa i danni anche se le somme assicurate sono solo una parte delle somme in rischio. La sua applicazione è frequente nei casi in cui gli assicurati ritengono che i sinistri non possano coinvolgere tutti i beni esposti al rischio. Es. supermercato. Questa forma contrattuale può essere a primo rischio relativo e a primo rischio assoluto.
Per franchigia si intende un importo predeterminato che viene dedotto dal risarcimento.
Per scoperto si intende una parte percentuale di danno che rimane a carico dell'assicurato.
Per limite massimo di indennizzo si intende l'impegno massimo che la Compagnia sosterrà in caso di sinistro, indipendentemente dalla somma assicurata.




 
Nessun commento
 
 
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu